Skip to content

Saggi. Nietzsche e gli ebrei, Vivetta Vivarelli.

2 luglio 2012

Titolo: Nietzsche e gli ebrei
Sottotitolo: Con due saggi di Jacob Golomb e Andrea Orsucci
Curatore: Vivetta Vivarelli
Editore: Giuntina
Anno: 2011
Pagine: 270
ISBN: 9788880574200

***
Vivetta Vivarelli

NIETZSCHE E GLI EBREI

Prefazione
Presentiamo qui i passi a mio parere più significativi di Nietzsche sulla questione ebraica. Il rischio di omissione è ovviamente implicito nel concetto stesso di scelta. Chiariamo subito che le occorrenze (sotto le voci Juden, jüdisch, Semiten) riportate nell’indice dell’edizione tedesca Colli-Montinari sono circa 300. Un centinaio sono quelle delle lettere. Tali occorrenze aumentano in maniera vistosa fino a diventare una sorta di leitmotiv negli appunti dell’ultimo periodo. Proprio nell’ultima fase la scelta ha dovuto essere necessariamente più drastica. Uno dei criteri con cui è stata operata la selezione è stato comunque quello di bilanciare i passi più elogiativi con quelli più critici. A chiunque non sfuggirà il sostanziale cambiamento di tono nelle fasi successive a quella wagneriana, quella in cui Nietzsche riconoscerà più tardi di avere sacrificato le sue idee “alla propria venerazione”. Ma al contrario di chi scorge una sostanziale continuità tra le diverse fasi, mi pare che proprio la virulenza degli attacchi del primo Nietzsche dia senso e valore alla svolta nell’epoca dello spirito libero. Il suo è un percorso intellettuale quasi unico nel rovesciamento delle proprie posizioni, come aveva chiaramente riconosciuto Thomas Mann. Nella fase della Nascita della tragedia il giovane Nietzsche, che già da studente mostrava di condividere pregiudizi e idiosincrasie del suo tempo, assorbe il sostanziale antisemitismo del mondo che lo circonda, non solo quello dei suoi cattivi maestri, Schopenhauer e Wagner, ma anche degli ambienti accademici in cui si forma: si pensi ad esempio alle stoccate antiebraiche dell’amico Erwin Rohde, che paiono talora esemplificare il contrasto pretestuoso tra Atene e Gerusalemme. Ma anche in questa prima fase Nietzsche non giungerà mai agli accenti estremi di Rohde o dell’amico aristocratico Carl von Gersdorff, anche perché comincia presto a crearsi degli anticorpi. Il primo è sicuramente il suo senso storico, il metodo genealogico, per cui non crederà mai a delle realtà statiche, ma le esplora sempre come fenomeni in formazione e in divenire, ne dissotterra le radici, ne svela condizionamenti e motivazioni profonde; poi la scelta definitiva di un’assoluta libertà e onestà intellettuale, costi quello che costi. Altri anticorpi sono letture come quella di Montaigne, che lo accompagnerà per tutta la vita, ma anche di antropologi che lo portano a considerare la chiusura delle nazioni e la difesa delle razze come un atavismo, un residuo arcaico. Resta comunque il fatto innegabile che i virulenti attacchi anche in epoca tarda contro il giudaismo e Paolo di Tarso sono in realtà compresi nel principale obiettivo polemico di Nietzsche, l’attacco al cristianesimo e dunque all’intera tradizione ebraico-cristiana. Questa viene incolpata, dal punto di vista filosofico, di dare un senso forte e assoluto alla parola “verità” raccogliendo l’eredità del platonismo, sostituendosi a interpretazioni religiose aperte quali il politeismo, e legandosi a tutto ciò che Nietzsche aborre: la fede, le convinzioni, il fanatismo. Proprio questa gabbia interpretativa appare intollerabile al filosofo del multiprospettivismo, che si riconosce invece nelle posizioni degli scettici greci, negli attacchi di Lessing a coloro che si credono in possesso della verità, ma anche nella parole attribuite a Pilato: “che cos’è la verità”. In particolare, come è stato rilevato nel Nietzsche-Wörterbuch, Nietzsche negli ultimi scritti usa la parola “semitico” in senso metaforico come cifra per “spirito sacerdotale”, uno spirito che per lui contraddistingue il libro ariano per eccellenza, il codice Manu. Il contrasto, che va delineandosi nel periodo della Genealogia della morale e dell’Anticristo, tra un periodo arcaico della storia di Israele, col suo “paesaggio eroico”, e la successiva decadenza legata a un processo di “Entnatürlichung” deve ricondursi, come è stato dimostrato, alla lettura dei Prolegomena zur Geschichte Israels di Julius Wellhausen. Un’altra fonte che Nietzsche utilizza, pur distanziandosene in varie occasioni, per la storia della religione ebraico-cristiana è Ernest Renan. Proprio sottolineando l’intima connessione tra cristianesimo e ebraismo Nietzsche sconfessa l’idea di un “cristianesimo ariano” quale veniva proposta dagli antisemiti. Inoltre anche l’idea di una religione naturale dell’antico popolo ebraico, che in quanto tale non era una prerogativa dei popoli ariani, appariva, come ha notato Andrea Orsucci, inaccettabile alla pubblicistica antisemita di quegli anni. Non è certo un caso che gli stessi nazisti lo giudicassero un autore pericoloso e di fatto inservibile (si veda ad esempio il giudizio del futuro deputato nazionalsocialista Theodor Fritsch, con cui Nietzsche ebbe il rovente scambio di idee nelle lettere riportate in questo volume). E tuttavia tanto i nazisti che i loro avversari, come Lukács, tentarono di farne un distruttore della ragione o un precursore del nazionalsocialismo avvalendosi spesso di immagini e parole ad effetto avulse dal loro contesto, come ad esempio la famigerata “bestia bionda” (questa linea interpretativa comincia a sgretolarsi negli anni ’50 a partire dall’America, con Walter Kaufmann, il suo traduttore in inglese di origine ebraica). Gli stessi nazisti, a una lettura più attenta, avevano dovuto fare i conti con i ripetuti attacchi di Nietzsche contro gli antisemiti e i tedeschi in generale. Un ideologo del regime come Baeumler tentava di ascriverli con imbarazzo al fatto che il filosofo non aveva trovato riconoscimenti in patria. Uno dei più importanti studiosi di Nietzsche, Wolfgang Müller-Lauter, che ricorda la sua prima riluttanza a leggere l’autore della Nascita della tragedia, racconta come il suo libraio, nel 1942, gli avesse consigliato un volume del wagneriano Curt von Westernhagen, Nietzsche, ebrei, antiebrei, appena uscito a Weimar. Questo libro venne recensito nel “Völkischer Beobachter” da un comandante delle SA, Heinrich Härtle. Nel 1937 Härtle aveva scritto un libro (Nietzsche e il nazionalsocialismo) in cui sosteneva che solo un nazionalsocialista pienamente consapevole poteva comprendere la filosofia di Nietzsche, deplorando tuttavia che al filosofo mancasse l’esatta cognizione di “Volk”, stato e razza. Härtle, che già aveva dovuto digerire a fatica l’anti-antisemitismo di Nietzsche, attaccò duramente Westernhagen, colpevole a suo dire di aver dato un’immagine deformata del filosofo mettendo insieme, col pretesto di una questione secondaria come il suo atteggiamento nei confronti degli ebrei, tutte le cose negative che aveva scritto. Secondo Härtle il libro del wagneriano aveva generato l’odio contro Nietzsche, e proprio come avrebbe potuto farlo, per un sentimento di vendetta, un ebreo oppure un gesuita.
Al di là delle interpretazioni che mirano comunque ad appiattire o a semplificare il pensiero di Nietzsche, va detto che questi condivide fino all’ultimo pregiudizi o luoghi comuni sugli ebrei (contro la finanza ebraica, i caratteri da parvenus, gli ebrei orientali). Uno di questi è l’insistita descrizione dell’ebreo come commediante, attore nato, che lui cerca di motivare storicamente ma che si appoggia anche alla sua convinzione, più o meno ironica, che Wagner stesso sia ebreo. E qui va sottolineata una strategia stilistica che è stata notata negli scritti di Nietzsche: usare le armi retoriche degli antisemiti contro di essi: dunque sono loro “i malriusciti”, sono loro che dovrebbero essere cacciati dalla Germania e dall’Europa. In Ecce homo dichiara di non sopportare la “razza tedesca”. Non solo: il sottile veleno di Nietzsche si insinua anche nelle lettere alla sorella, moglie dell’antisemita Bernhard Förster. Nella lettera per il compleanno di lei, del 5 giugno 1885, ironizza sul fatto che il marito, vecchio antisemita, la chiami con un appellativo ebraico, Eli; e come augurio le invia una frase di una lettera agli Efesini di Paolo di Tarso (pure ti auguro “che tu sia felice e goda di una vita lunga sopra la terra”).
Il tema dell’ebraismo diventa uno dei temi centrali negli ultimi anni di vita cosciente, in cui Nietzsche ritorna a ripetere e a variare in maniera quasi ossessiva gli stessi argomenti, sentendosi tra l’altro coinvolto sul piano personale dal fatto che il cognato, in nome delle sue idee, aveva trascinato la sorella Elisabeth in un’impresa fallimentare.
Per quanto non possa sfuggire l’accento drammatico che talora assume per Nietzsche l’intera questione, esiste anche un aspetto che non è stato quasi mai messo in luce, ovvero l’ironia, la vena umoristica, l’umor nero che va accentuandosi negli anni. Tra l’altro egli tenderà a identificarsi con l’“adorable Heine”, quintessenza de “l’esprit de Paris”, che probabilmente rilegge e riscopre anche attraverso i francesi. In un frammento dell’autunno 1887 afferma che nella sfera dell’arte gli ebrei hanno sfiorato la genialità con Heine e Offenbach. In un altro del 1888, che essi rappresentano un antidoto contro la chiusura nazionalistica. In Ecce homo tributerà a Heine un riconoscimento che si accompagna a una sorta di identificazione sul piano dello stile ma anche, a ben guardare, sul piano di un’identità nazionale non ben definita. Nietzsche, come Heine, non si sente interamente tedesco: “Un giorno si dirà che Heine e io siamo stati di gran lunga i primi artisti della lingua tedesca – a una distanza incommensurabile rispetto a tutto ciò che con essa sono riusciti a fare i tedeschi puri e semplici”. Questo riconoscimento è di un’importanza cruciale se si pensa al fatto che Nietzsche, nella sua fase wagneriana, aveva dileggiato Heine proprio per il suo virtuosismo stilistico, e sembrava condividere la tesi di Wagner che gli ebrei, in quanto estranei alla lingua nazionale, non potessero essere autentici poeti. Ora l’argomento dell’estraneità viene orgogliosamente affermato come un privilegio che spiega tra l’altro la profonda consonanza col poeta ebreo. La stessa sensazione di parentela spirituale induce Nietzsche ad attaccare astiosamente l’“ebreo” Avenarius perché “affossa” Heine, a deridere gli antisemiti che non sanno neppure cosa sia l’intelligenza (“Geist”) o l’esprit; e infine ad additare Heine, il grande mediatore delle culture, come un modello che sul piano educativo è più importante per la Germania dello stesso Goethe, come si legge nelle lettere qui presentate nell’ultima sezione.
Paul Celan, nell’agosto del 1959, in un momento in cui era amareggiato per il suo rapporto con Theodor Adorno (“che credevo essere ebreo”), confessa nella dedica all’amico Reinhard Federmann di avere scritto il suo Colloquio in montagna “in ricordo di Sils-Maria e di Friedrich Nietzsche che – come sai – voleva far fucilare tutti gli antisemiti”.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: