Skip to content

Sezione scrittori ebrei polacchi- Polish Jewish writers. Kaddish per Maurice Sendak.

10 maggio 2012


di Fabio Izzo

Oggi vogliamo fermarci per un attimo a salutare un vecchio amico, scomparso ieri all’età di 83 in seguito alle conseguenze di un attacco cardiaco. Parliamo, ovviamente, di Maurice Sendak, l’autore famoso nel mondo per la sua opera intitola Nel Paese dei mostri selvaggi, pubblicata nell’ormai lontano 1963.
Sendak, di origini ebreo polacche, nacque a Brookllyn, New York, e cominciò a disegnare il suo futuro dopo la visione di Fantasia, il popolare film d’animazione di Walt Disney, quando a dodici anni decise cosa fare “da grande” cioè sarebbe diventato un illustratore.
Il successo e la meritata fama arrivarono con Nel paese dei mostri selvaggi, dove viene raccontata l’avventura di un bambino capriccioso che, messo in castigo nella sua cameretta, decide di scappare finendo in una misteriosa terra abitata da mostri grotteschi. Ricco di influenze yiddish, il libro infatti omaggia in maniera bizzarra i parenti dell’autore, incontra subito un grande successo a cui però non mancano le polemiche visto l’atteggiamento, irrispettoso per l’epoca, ma anche oggi potremmo dire, del protagonista nei confronti dei genitori.

Tre anni dopo illustrò una raccolta di fiabe ebraiche di Isaac Bashevis Singer, intitolata Zlateh la capra e altre storie, che gli valse il Newberry Award. A testimoniare la sua importanza nell’immaginario collettivo a stelle e strisce possiamo dirvi che lo scorso nove aprile, in occasione delle celebrazioni pasquali, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha voluto leggere lo alcuni brani de Nel paese dei mostri selvaggi, simulando la voce dei mostri; anche Matt Groening, l’autore dei Simpson, inoltre, ha voluto omaggiarlo facendo comparire nella popolare serie ambientata a Springfield i mostri protagonisti del film di Sendak.

In vita Maurice Sendak ha ricevuto diversi premi, come il Caldecott Medal, il Premio Hans Christian Andersen, il National Book Award, il Laura Ingalls Wilder Medal. il National Medal of Arts e l’Astrid Lindgren Memorial Award ma a noi, oggi, lontani dal paese dei mostri selvaggi, piace pensare che il premio più grandi da lui ricevuto sia stato l’aver realizzato il suo sogno di bambino accompagnando, allo stesso tempo, anche i sogni di molti altri, bambini e non.
****
Fabio Izzo ha scritto originariamente questo post per Libri10, qui di seguito il link:
http://www.libri10.it/nel-paese-dei-mostri-selvaggi-ci-si-sente-piu-soli-ora-che-maurice-sendak-e-scomparso-3448.html

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: