Skip to content

Sezione Jewish American Authors. Jonathan Safran Foer e Nathan Englander. New American Haggadah ( da La Repubblica)

2 aprile 2012

Di Antonio Monda

NEW YORK.
È un anno di grande attivismo, ma in qualche modo anomalo, per Jonathan Safran Foer. Nessun romanzo immaginifico o saggio controverso, ma l’uscita quasi contemporanea di due opere estremamente diverse, che lo vedono comunque protagonista: l’adattamento cinematografico di “Molto forte, incredibilmente vicino” e la pubblicazione di una nuova versione della Haggadah, il racconto dell’esodo del popolo ebraico dall’Egitto, che viene letto tradizionalmente durante la celebrazione della Pesach, la Pasqua ebraica.
Safran Foer ha curato personalmente l’elaborazione di questo testo così importante per la sua tradizione, affidandone l’elaborazione ad un altro romanziere di cui è grande amico: Nathan Englander. Ne è venuta fuori un’opera che è stata accolta come uno degli eventi culturali dell’anno, al punto che lo stesso presidente Obama, ricevendola in regalo, ha dichiarato che sostituirà le versioni classiche, usate abitualmente durante il Seder. Diversa la sorte del film: grande cast hollywoodiano (Tom Hanks e Sandra Bullock) con contorno di grandi attori emergenti (Viola Davis) o icone del cinema europeo (Max Von Sydov). Un regista inglese (Stephen Daldry) che si è affermato in teatro prima di realizzare “Billy Elliott” e “The Reader”, ed il produttore più potente di Hollywood, Harvey Weinstein. Uno spiegamento di forze impressionante che, tuttavia, ha generato un modesto apprezzamento critico, nonostante due candidature all’oscar, una delle quali come miglior film. “Apprezzo il film” racconta Safran Foer nella sua bella casa di Park Slope, a Brooklyn “e posso dirlo senza problemi perché non ho avuto alcun ruolo nella realizzazione: è un’opera assolutamente autonoma, come è giusto che sia”.

Ha avuto un ruolo almeno nella scelta degli attori?
No, nessuno, e sono stato sul set soltanto un giorno. L’unico apporto creativo che ho offerto è stato in una scena nella quale è presente una voce off: mi è stato chiesto di controllarla e scrivere qualche riga.

Lei ritiene che un adattamento debba essere fedele al romanzo originario o possa essere autonomo sino al tradimento?

Ritengo che gli adattamenti debbano essere fedeli al senso ultimo del romanzo, non certo al singolo episodio o dettaglio. Altrimenti il risultato è l’illustrazione. Nel caso di questo film la sceneggiatura è stata scritta da Eric Roth, autore di copioni estremamente diversi quali “Forrest Gump”, “Ali” e “Munich”. E aggiungo che si tratta anche di film diversissimi dal mio mondo.

Se dovesse riscrivere oggi il romanzo cambierebbe qualcosa?
Io sono cambiato e maturato, ma i temi credo che non lo siano. In ogni cosa c’è la superficie e l’essenza, che non sempre è visibile.

Il romanzo affronta direttamente l’undici settembre: ritiene che scrivere di quella tragedia abbia avuto anche una valenza terapeutica?
Non posso escluderlo, ma certamente non è stato il mio unico intento, né quello iniziale. Ogni scrittore sente una necessità di raccontare, e non credo sia salutare razionalizzare troppo sui motivi e gli intenti: si finisce per rischiare il “messaggio”.

Affrontando queste tragedie non c’è anche il rischio di una speculazione emotiva?
Il rischio ovviamente c’è, e dipende dalla sincerità, prima ancora che del talento del singolo scrittore. Ma mi sento di escludere che autori come Don DeLillo o Colum McCann, per citare due scrittori che come me hanno affrontato questo tema, siano stati sfiorati da questo tipo di rischio.

In occasione della Pasqua ebraica esce anche la nuova versione della Haggadah: come mai due scrittori giovani che si dichiarano atei sentono il bisogno di riscrivere un testo così radicato nella tradizione religiosa?
Non siamo stati i primi a riscrivere quel testo e non saremo gli ultimi. Lo abbiamo vissuto come una sfida: affrontare un racconto antico imponendo a noi stessi di tenerlo vitale e attuale. E l’elemento religioso rappresenta qualcosa di eterno, che ha accentuato il senso di sfida. Nella Haggadah c’è anche un elemento estremamente stimolante per uno scrittore: è un testo che non deve essere letto, ma vissuto. È quello che in realtà vogliamo noi romanzieri dai nostri lettori.

È vero che l’idea le è venuta durante un Seder con i suoi genitori?
Si, nove anni fa. Ebbi l’impressione che la lettura della classica versione della Maxwell non stimolasse abbastanza su molti temi quali l’identità, la fede e la giustizia sociale. E sentii che tutti i partecipanti a quella celebrazione, me compreso, avessero voglia di affrettare invece che approfondire.

Cosa ha imparato rileggendo e riscrivendo la Haggadah?
Che è un testo complicato e problematico, e proprio per questo eccitante.

Esistono versioni della Haggadah per le femministe e anche per i gay: lei che ne pensa?
Non ho alcun problema a riguardo: la storia che racconta va ben oltre ogni singola interpretazione o adattamento. Lo spirito profondo del racconto parla di giustizia sociale.

Uno dei cambiamenti operati in questa versione è l’espressione “il nostro Dio” che diventa “il Dio di tutti noi”: come mai?
È stata una scelta di Nathan: è lui l’esperto di lingua ebraica. In alcuni casi ha semplificato, in altri ha cercato la formula più evocativa e poetica.

Joyce Carol Oates che è stata la sua mentore a Princeton ha dichiarato che lei ha il talento fondamentale per uno scrittore: l’energia. Ritiene che sia davvero l’elemento fondamentale?
Certamente, e lo dico ovviamente a prescindere da me. L’energia è un termine flessibile: si può applicare all’energia che si sprigiona tra un paragrafo ed un altro, tra un libro e quello successivo. E, soprattutto, nel momento della creazione, quando si alterna il momento dell’ispirazione a quello dell’insicurezza. Le risposte che si danno a queste situazioni sono la linfa del talento.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: