Skip to content

Qualcosa di Shira/Something of Shira

3 febbraio 2011
Shira Gavrielov

Shira Gavrielov

 Shira Gavrielov è uno dei talenti israeliani musicali emergenti. Scrive e compone in un modo tutto personale. E’ giovanissima e talentuosa. Il suo primo singolo “Haboker Ya’ir” è diventato un hit da top chart occupando il 1° posto nelle classifiche radiofoniche nonchè nei downloads di telefonia cellulare. Ora sta lavorando ad un nuovo album di respiro internazionale. Il primo singolo tratto dall’album, una cover del brano di Gnarls Barkley “Crazy”, prodotto da   Tom Nichols lo stesso produttore di interpreti come Kylie Minogue, All Saints, Sugababes e Celin Dion è diventato un successo in Israele e uno dei piu’ trasmessi dalle radio.  Un altro singolo, scritto e composto da lei “Don’t Just walk on By” è nella play list di Galgalatz una dei network radiofonici  israeliane piu’ importanti  e  su DR P4 una delle top radio in Danimarca. Il video omonimo è  cliccatissimo e   piu’ di 120.000 persone hanno ascoltato il brano su YouTube. Shira, inoltre ha aperto il concerto israeliano di Suzanne Vega e Paul Young.  Che altro?  proviamo a scoprire qualcosa di piu’ di Shira Gavrielov.

la Biblioteca d’Israele: Ciao Shira è un piacere incontrare una giovane artista così  piena di talento. Il talento è una dote naturale ma va coltivato. Quanto ha contato per te lo studio?

Shira Gavrielov: Sono nata  sulla scena musicale. Mio padre è un cantautore molto conosciuto (Miki Gavrielov n.d.r)e cosi’ io, praticamente ho iniziato a cantare ancor prima di parlare. Ho iniziato a studiare  pianoforte a 6 anni mentre a 10 ho iniziato a cantare in un coro e studiare percussioni. Ho imparato che se vuoi avere successo in qualcosa in cui vuoi eccellere, devi impegnarti seriamente, capire quel che stai facendo e avere una buona dose di creatività.

la Biblioteca d’Israele: In un mondo in cui il top è arrivare al grande fratello senza saper fare nulla detto da una giovane artista colpisce.

Shira Gavrielov: Pensa che mi era stato chiesto di partecipare all’Israeli Pop Idol molti anni fa. Mia madre si oppose. Non era il percorso giusto. Sarebbe stato un succeso facile, che arriva presto e finisce presto. Non sarei cresciuta. Preferisco impegnarmi a fondo e accettare anche le sconfitte che comunque fanno parte del percorso. Almeno…questo è il mio punto di vista. Vedo molti giovani talenti che crollano dopo un successo improvviso. Ecco, non sanno cosa c’è il dopo e non sanno gestirlo.

La Biblioteca d’Israele: Essere figlia di un artista famoso è stato un problema per te?

Shira Gavrielov: Posso dire che aiuta ma potrebbe anche danneggiarti. Mio padre mi ha dato molti consigli quando glieli ho chiesti. E comunque la responsabilità sul fare  o non fare una cosa è mia. Spetta a me. Certo avere un padre famoso è un buon biglietto da visita per aprirti le porte all’inizio, ma poi devi fare da sola e metterci del tuo. Se provi di avere talento quelle porte restano aperte altrimenti si chiudono.

la Biblioteca d’Israele: Shira tu sei un mix di culture. Come usi tutto questo nel processo creativo ed espressivo? qual’è il tuo stile?

Shira Gavrielov: Sono cresciuta in un ambiente di provenienza familiare multietnico. Mio padre è spagnolo, mia mamma tedesca i miei nonni turchi. Questo ha influito sulla mia musica. Sono stata fortunata  e posso apprezzare tutti gli stili e i generi. Etnica, pop rock, indie, hard rock. Il mio stile musicale cambia con gli anni. Il mio primo singolo l’ho realizzato a 15 anni ed era decisamente pop e mi piaceva molto all’epoca. Ora sono cresciuta ed è cambiato qualcosa.

la Biblioteca d’ Israele: Quanto è importante per te la libertà?

Shira Gavrielov: E’ tutto. Essere obbligata a cantare o a scrivere per ragioni che non hanno a che fare con te stessa e la tua creatività non è bello e non mi piace. Puoi accettare i consigli di chi ti sta accanto e di chi è competente ma alla fine la scelta è tua. Lavoro con Alon da molto tempo  e la sua opinione è molto importante per me. Sa guidarmi bene in un mondo in cui convergono anche le leggi del marketing.

la Biblioteca d’ Israele: da dove viene l’ispirazione per le tue canzoni? Come nascono? prima la musica o le parole?

Shira Gavrielov: Molte, se non tutte le mie canzoni si basano su fatti, sensazioni, momenti reali. Accaduti a me o ai miei amici. Ad esempio, il mio primo successo israeliano è stato scritto pensando ad un caro amico. Parlo di  amore, amicizia , sentimenti.Le mie canzoni nascono prima nella mia testa, nel mio cuore . E parole e musica arrivano insieme. Non accade subito A volte posso aspettare giorni senza avere nessuna ispirazione Una canzone puo’ nascere in 10 giorni come in 2 minuti.

La Biblioteca d’ Israele: Se tu dovessi presentare la tua musica cosa diresti?

Shira Gavrielov: Innanzitutto che ne sono orgogliosa. E poi che la mia musica è emozionale. Viene da emozioni, trasmette emozioni. E mi auguro che la gente che l’ascolta ci trovi un pezzetto di sè.

la Biblioteca d’ Israele: Shira, tu hai una voce roca, matura e a tratti sembri piu’ grande della tua età.

Shira Gavrielov:  Sì è vero, grazie E’ un po’ smokie …In italia dovrebbe funzionare no? Mi hanno ispirato artiste come Fiona Apple, Amy Winehouse, Norah Jones, Etta James. Ascolto rock e hard rock perchè mi piace molto.

La Biblioteca d’Israele: Shira , come ti vedi tra 5 anni? che progetti hai?

Shira Gavrielov: Tra 5 anni mi vedo ancora a cantare e a scrivere e spero di avere l’opportunità di continuare a collaborare con artisti e compositori di talento. Per quanto riguarda i progetti nell’immediato, sto finendo di missare il nuovo album ma non sono ancora sicura del titolo.

La Biblioteca d’ Israele: Dimmi il titolo di tre canzone tue che piu’ ti piacciono

Shira Gavrielov: “Don’t Just Walk on By”, “Hug Me” e “Clear Vision”. Quest’ultima sarà nel mio ultimo album. L’ho scritta con Adam Levi, un fantastico musicista che lavora con Norah Jones. Una persona speciale. Non sapeva neanche chi fossi e mi ha incontrata lo stesso a New York per 2 giorni per lavorare su alcune canzoni. Per me rappresenta il vero significato della grandezza d’animo, della generosità e dell’ispirazione. Lo adoro e gli saro’ grata per sempre.

La Biblioteca d’Israele:  l’amore e la passione per quel che si fa sono le chiavi per conquistare il mondo. Cos’è per te il successo?

Shira Gavrielov: per me non è importante conquistare il mondo, quanto conquistare il cuore delle persone  con la mia musica. Sono convinta che la musica abbia il potere di cambiare e di aiutare le persone. E’ questo cio’ che voglio fare. Essere solo famosa e fare soldi non mi interessa. Desidero rendere le persone felici. Voglio essere nelle loro vite quando sono tristi e renderli un po’ piu’ felici con le mie note. La musica è un mezzo cosi’ potente e io mi sento benedetta perchè ho questo talento e posso esprimerlo.

Something of Shira

Shira Gavrielov is one of Israel’s emerging musical talent even because she writes and creates in her, personal way. She is ‘young and very talented. Her first single “Haboker Ya’ir” became a huge hit obtaining the 1st position in many charts in radio as well as downloads for mobile phones. She is now working on her new project an album for the  international market.. The first single from the album a cover version of Gnarls Barkley ‘s “Crazy,” produced by top British producers Tom Nichols, the same of performers such as Kylie Minogue, All Saints, Sugababes and Celine Dion and Tim Baxter. The track has become a hit in Israel reaching the n.1 spot on israeli radio Station.Another single, written and composed by herself, “Don’ Just Walk on By” got into  the play list of Galgalatz Israel’s leading and most important radio station, helping making it a huge hit.This song, was play, also, listed in  DR P4  one of Denmark’s leading radio station.The videoclip of the song was chosen as Video Clip of the week by the Israeli music channel. More ‘than 120,000 people have listened to the song on YouTube. During July 2010 Shira, was chosen to be the opening act of  Suzanne Vega‘s concert in Israel and Paul Young. 

What else? try to find something more about ‘Shira Gavrielov.

The Library of Israel: Hello Shira it is a pleasure to meet a young and so talented artist like yourself. Your talent is a natural gift, but has to be cultivated. How long did you study for?

Shira Gavrielov : I was born on the music scene. My father is a well known singer / songwriter (Miki Gavrielov) and I studied music from a very young age. I started singing even before I started talking . I started playing the piano at the age of 6 and joined a choir at 10. I went to Berkley University in California for a summer semester and there I studied to play steel drums. I learned that if you really want to succeed and you want to excel, you have to commit yourself seriously, then to understand what you’re doing and to have a good dose of creativity.

The Library of Israel: In a world where the top is to get to a tv show like The Big Brother without necessarily having any talent,  you sound quite different, considering your young age.

Shira Gavrielov:  I was asked to participate to Pop Idol Israel many years ago. My mother said no. She was right because it was not the right path. It would have been a huge fast and too easy success and equally fast in ending. I prefer to work hard and to accept the defeats that are part of the route. At least … that’s my point of view. I see many young talents who collapsed after a sudden success. They do not know what happens after a big success and they don’t know how to handle it.

The Library of Israel: Being the daughter of a famous artist has been a problem for you?

Shira Gavrielov: I can say that it helps you but could also harm you. My father gave me lots of advice when I asked him. But the responsibility to do or not do something is only mine.  It is up to me. Of course having a famous father is a good calling card and helps to open the door at the beginning , but then you have to do it by yourself . If you have talent those doors remain open otherwise those same doors will be shout on your face.

The Library of Israel: Shira you are a mix of cultures. How do you use all this in the creative process? What is your style?

Shira Gavrielov: I grew up in a multi-ethnic family of origin. My father is Spanish, my mother, my grandparents are German and Turks. This has influenced my music. I was lucky and I can appreciate all styles and genres. Ethnic, pop rock, indie, hard rock. My musical style changed through the years. The first single that I played  when I was 15 years old was very pop and I really enjoyed it at that time. Now I’m grown and I changed a bit.

The Library of Israel: How important is freedom for you?

Shira Gavrielov: It ‘s everything for me. Being forced to sing or to write for reasons that have nothing to do with yourself and your creativity is not nice and I don’t like it. You can accept the advice of those are around you and by those who are competent in the field but the final choice is yours. I work with Alon Amir (Shira’s manager) for a long time and his opinion is very important to me.

The Library of Israel : Where does the inspiration for your songs come from?How  does it come? First the music or the words?

Shira Gavrielov: Many, if not all my songs are based on facts, feelings and real moments. They happened to me or my friends. For example, my first hit is written for a dear friend. I speak of love, friendship, feelings, emotions .My songs come in my head first, then in my heart. The words and music come together. Sometimes I can wait days to have my inspiration sometimes less and songs come in 2 minutes.

The Library of Israel ‘s: If you had to describe your music what would you say?

Shira Gavrielov: First of all I’m proud of what I do. And then I can say that my music is emotional. It comes from emotions, conveys emotions. And I hope the people that are listening to it will found a piece of  themselves in it too.

The Library ‘s Israel: Shira, you have a smoky voice and  you seem more mature than your age.

Shira Gavrielov: Yes it’s true, thank you. My voice is smocky , yes it is.  In Italy it should work, right? I was inspired by artists such as Fiona Apple, Amy Winehouse, Norah Jones, Etta James. I listen to rock and hard rock because I really like it. Even if there is somebody else more talented than me in playing it I do my part.

The Library of Israel, Shira, where do you see yourself in 5 years? What are your plans?

Shira Gavrielov : In 5 years I see myself still singing and writing and I hope to have the opportunity to continue to work with talented artists and composers. As for immediate plans, I’m just finishing mixing the new album but I’m not yet sure of the title.

The Library of ‘Israel: Tell me the title of  the your three favorite songs.

Shira Gavrielov: “Do not Just Walk on By,” “Hug Me” and “Clear Vision”. That is my latest album. I wrote it with Adam Levi, a fantastic musician who worked with Norah Jones. A special person. Did not even know who I was and I met him in New York . We worked together for two days on some songs. To me, he  represents the true meaning of magnanimity, generosity and inspiration. I love him and I’ll be forever grateful.

The Library of Israel: The love and passion for what you do, are the keys to conquer the world. What is success for you?

Shira Gavrielov: it is not important for me to conquer the world rather to conquer the hearts of people with my music. I am convinced that music has the power to change and help people. That is what I want to do. Just being famous and making money doesn’t work with me, I’m not interested in that.  I would like to make people happy. I want to be in their lives when they are sad and make them a bit happier with my notes. The music is so powerful and I feel blessed because I have this talent and I can express it.

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: